Perfetto per distrarsi in una seratina gelida (nel mio caso una seratina milanese) di questi primi freddi autunnal-invernali…dico invernali perché avere già 2 gradi fuori è cosa tipica dell’inverno…

Insomma, coccolarsi di fronte al nuovo film di Woody Allen è cosa assai divertente.

Il protagonista, nevrotico, ipocondriaco e pessimista, rispecchia in pieno i tipici personaggi interpretati in passato dallo stesso Allen, che però qui cede il posto ad un altrettanto convincente Larry David comico di professione, qui riadattato al grande schermo in maniera superba. E come non citare la spensierata, buffa e molto svampita Melody, alias Evan Rachel Wood, che entra come un “vermetto” nella vita del protagonista, sconvolgendola e dando una sferzata di vita alle nevrotiche abitudini del non più giovanissimo e genialoide fisico Boris Yelnikoff.

Quando poi si rifanno vivi i di lei genitori la storia si infittisce e … la vita di tutti troverà una sconvolgente soluzione.

basta che funzioni - woody allen

About these ads