Tag

, ,

Bologna – Trentotto ritratti di donne di vario talento: la scrittrice, la pittrice, la scultrice, la cantante, la musicista, ma anche la giardiniera, la cuoca, la magliaia, l’infermiera, l’imprenditrice, la biologa, la maestra elementare, la levatrice… E non mancano donne impegnate nel sociale o in politica, anche nella Resistenza e nei primi anni della Repubblica.

Talenti – Figure di donne nella provincia di Bologna, a cura di Daniela Patanè, Bologna, editrice Compositori, 2008

Si rinnova con questo volume il progetto Talenti, promosso dall’Assessorato Cultura e Pari Opportunità in una prima edizione nel 2005 e realizzato grazie al sostegno della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna in raccordo con le amministrazioni comunali del territorio.

L’accoglienza calorosa del primo volume, uscito alle stampe nel 2006, ci ha incoraggiato a proseguire nel percorso per il recupero di una memoria storica delle donne dei nostri luoghi.

Come allora, nella pubblicazione trovano spazio profili biografici costruiti attraverso interviste dirette, quando possibile, oppure attraverso dialoghi con esperte ed esperti; le figure raccolte si riconoscono in un’insolita lettura del termine “talento“, inteso non solo come la dote di uno speciale estro artistico o intellettuale, ma anche nel senso più esteso di capacità non comune di affermare una propria identità, rompendo, se necessario, schemi e pregiudizi.

Fra i trentotto “ritratti” si incontra, infatti, la scrittrice, la pittrice, la scultrice, la cantante, la musicista, ma anche la giardiniera, la cuoca, la magliaia, l’infermiera, l’imprenditrice, la biologa, la maestra elementare, la levatrice…
E non mancano donne impegnate nel sociale o in politica, anche nei difficili momenti della Resistenza e dei primi anni della Repubblica.
Un insieme di esperienze, condotte talvolta in una dimensione discreta e appartata, che lascia trasparire tuttavia, fra entusiasmi e delusioni, il coraggio della conquista.
Ad un orizzonte sempre più lontano, da raggiungere e oltrepassare, fuoriuscendo dai ruoli consueti assegnati per tradizione alla donna, allude la copertina scelta per questa edizione, dove l’istruttrice di volo Janet Ferguson si affaccia fuori dall’abitacolo del suo velivolo.
È l’immagine “intrepida” della donna, restituita col sapore quasi “romantico” della foto d’epoca, a significare l’importanza imprescindibile del passato, del cammino già compiuto; è l’omaggio riconoscente a quante hanno prima di noi affrontato sfide e aperto nuovi sentieri, che sentiamo particolarmente vivo quest’anno, nel Centenario dell’8 Marzo e nel Sessantesimo della Costituzione, alla cui stesura parteciparono ventuno donne.

Un ringraziamento va dunque al Presidente della Fondazione del Monte, Marco Cammelli, che ha appoggiato senza indugi questo progetto, alle Assessore e agli Assessori Pari Opportunità dei Comuni, che hanno partecipato alla sua realizzazione, e alle donne che abitano le pagine di questo volume e che, con le loro vicende, riempiono di contenuti la storia comune.

Simona Lembi
Assessora alla Cultura e alle Pari Opportunità della Provincia di Bologna

Questo è il contenuto del volume Talenti. Figure di donne nella provincia di Bologna. Parte II, realizzato a cura di Daniela Patanè, per i tipi della Editrice Compositori, che sarà presentato venerdì 31 ottobre, alle, ore 17.30, nella sala dello Zodiaco di palazzo Malvezzi (Via Zamboni, 13 – Bologna). Il volume prosegue il progetto Talenti, promosso dall’assessorato Cultura e Pari opportunità della Provincia di Bologna in una prima edizione nel 2005, ed è realizzato grazie al sostegno della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna in raccordo con le amministrazioni comunali del territorio.
La presentazione sarà introdotta da Simona Lembi, assessora alla Cultura e alle Pari opportunità della Provincia di Bologna, a cui seguiranno i saluti di Giuseppe Chili, della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna e di Alessandro Lolli, direttore generale della Editrice Compositori.

Interverranno: Pier Damiano Ori, giornalista Rai; Maria Gabriella Buccioli, artista giardiniera; Patrizia Caffiero, scrittrice e organizzatrice di eventi culturali; Bruna Bondanelli, imprenditrice.
Anche in questo secondo volume, i profili biografici sono costruiti, quando possibile, attraverso interviste dirette; in caso contrario, mediante dialoghi con esperte ed esperti; le figure presentate impersonano un’insolita lettura del termine “talento”, inteso non solo come uno speciale estro artistico o intellettuale, ma anche nel senso più ampio di capacità non comune di affermare una propria identità, rompendo, se necessario, schemi e pregiudizi.